Questa classe politica che a Catania ha sempre amato le “allerte rosse” e mai i canali di gronda. Carmelo Finocchiaro (Azione Catania): vadano a casa. Serve una nuova classe dirigente.

Di
Carmelo Finocchiaro
|
31 Ottobre 2021

Si, vadano a casa gli amanti delle “allerte rosse”, quasi sempre dopo che si contano i morti esprimono solidarietà come accaduto in provincia di Catania in questi giorni. I nostri amministratori si occupano dei disastri ambientali dopo che sono avvenuti. Che fine hanno fatto i canali di gronda per l’acqua che arriva a fiumi dai comuni etnei. La strategia mediatica adottata assolve questi “incapaci” che sono i responsabili non certamente solo temporalmente, ma  come elementi appartenenti alla storica nomenclatura catanese e siciliana ben consapevoli della loro tradizione responsabilità politica per i  disastri in questa città. Uomini  della nostra città, della provincia e della Regione Sicilia. Geniali incapaci di non guardare oltre la loro poltrona in nome di un popolo, in parte succube di lor signori. Un popolo che ormai, legittima gli uomini del “gattopardo”  che garantisce  un sistema di potere di cialtroni. Ma cambiare si puo’. Basta comportarsi da cittadini e non  da sudditi. Svegliamoci serve Azione. E serve cambiare davvero, per questo ci metteremo l’anima e la voglia per garantire un nuovo modo di governare, nei tempi in cui si ritorna a fare il baciamano ai Cuffaro e ai Dell’Utri.

Altre notizie